Essicare le bucce fermentate dei nostri fervida. Pectine.

La pectina è un eteropolisaccaride, ossia uno zucchero composto dall’unione di più monosaccaridi differenti, contenuto nelle pareti cellulari dei tessuti vegetali. È un carboidrato indigeribile che rappresenta a tutti gli effetti una fibra solubile. Questa sostanza è stata isolata per la prima volta nel 1825 da Henri Bracconot. E’ conosciuta per il suo impiego nella […]

Continua a leggere
Il Nam Mak di Madame Pa Cheng

  Sornwan Sirisuntharin, soprannominata  affettuosamente Pa Cheng è colei che ha riportato all’attenzione delle persone questa tecnica di fermentazione millenaria. Fermenta da circa 30 anni, utilizza 6 varietà di frutti, che lascia invecchiare a seconda dello scopo, se mirato alla salute delle persone per diversi anni, oppure se dedicato alla salubrità degli ambienti anche solo […]

Continua a leggere
‘Ricottine’ che fare..

La trasformazione dei frutti/vegetali/erbe, messi a fermentare con acqua e zucchero che ci regala in futuro il fervìda, è un processo chimico/biologico che a differenza di fermentazioni alcoliche ha bisogno di ossigeno. Responsabili sono i batteri acetici del genere Acetobacter, riescono a trasformare il glucosio e ossidando l’alcool etilico o metilico altrimenti in formazione, danno […]

Continua a leggere
La tecnica

  Abbiamo bisogno di: ➺ La frutta/vegetale/erba che si vuole fermentare ➺ un contenitore di plastica o vetro (Pa Cheng fermenta da più di 20 anni e utilizza plastica), della frutta fresca possibilmente bio (oppure erbe (anche secche), foglie, radici, cortecce, gemme, germogli, fiori … ) ➺ un dolcificante naturale e zuccherino come lo zucchero […]

Continua a leggere