A PIEDI SCALZI
Si stanno per archiviare fino al prossimo autunno le scarpe pesanti e i nostri piedi sorridono all’idea di prendere aria.
E’ ora di pensare un pò anche a loro!!
L’uomo è un’unità psicosomatica: è impossibile considerare il corpo fisico diviso da quello emozionale.
I piedi sono attraversati da 7000 terminazioni nervose, quelle che la medicina cinese chiama meridiani energetici.
Avampiede, mesopiede, retropiede. Su tutte queste parti si distribuiscono 26 ossa che reggono tutti i carichi.
Grazie ai piedi abbiamo assunto struttura eretta e postura verticale.
Pieno di tronchi nervosi e muscolatura intrinseca ed estrinseca, il piede è un miracolo di ingegneria della natura, un dono di cui l’uomo può disporre per muoversi nello spazio.
Ogni tipo di stimolazione o manipolazione, se eseguita nel modo corretto su una determinata parte del piede, aiuta la guarigione dell’organo connesso.
I piedi sono il nostro sostegno. Permettono di muovere tutta la nostra massa e quindi sono quotidianamente sotto stress.
E’ importante dare loro attenzioni al fine di non farli soffrire più del dovuto.

Massaggiarli dovrebbe essere un rito!

Attraverso i massaggi con riferimento alle tecniche di Riflessologia Plantare si può trattare e riequilibrare i principali apparati (respiratorio, digerente, urinario, circolatorio, ecc.).


A ricevere benefici, infatti, non sono solo gli arti, ma anche il sistema immunitario, la concentrazione e l’umore.
L’automassaggio ai piedi non ha controindicazioni, tutti possono sottoporsi con fiducia e tranquillità a questa antica pratica di benessere psico-fisico.
Molti sostengono che per sfruttare al meglio i benefici di una riflessologia plantare fai da te, infine, l’ideale è far seguire agli esercizi un pediluvio aromatico per dire addio alle tossine.
Cosa c’è di meglio perciò per terminare la nostra cura dei piedi con un bel pediluvio a base di fervìda?

Inoltre l’utilizzo del fervìda durante il massaggio, al posto di unguenti vari e consigliabile.
L’unguento può essere usato al termine dello stesso.

Alcuni esempi di fervìda che si possono utilizzare (ma in realtà faranno bene tutti):
Erbe come l’elicrisio, la salvia, l’aloe etc.. hanno funzione antimicotica, inquanto sfavorisce la proliferazione fungina e inoltre regola la sudorazione.
Peperoncino: è un funghicida naturale, vasodilatatore, aumenta il calore, mantiene una buona ossigenazione del sangue e mantiene i capillari elastici, muove i ristagni d’acqua nel corpo ed è antidolorifico.
Zenzero in caso di gonfiori.. Lavanda contro i calli o duroni, creare un impasto con zucchero e fervida per un buon scrub, la menta o la camomilla contro i piedi secchi e così via… a seconda della vostra ispirazione.
Buona cura a tutti noi dei nostri piedi!

Per chi volesse saperne di più sugli usi possibili con Fervìda è il benvenuto nel Gruppo FB. A presto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *