Noi siamo fatti di cellule ma anche di batteri. Ed è un bene. Nel nostro organismo vivono miliardi di microorganismi che svolgono funzioni importanti.
Essi formano il microbiota, una realtà che diventa sempre più oggetto/soggetto di studio da parte dei ricercatori, ed infatti il microbioma ne mette in evidenza i geni.
Un certo numero esplica azione patogena, altri sono necessari per i processi di sintesi e di trasformazione nei quali si hanno la produzione di antibiotici, vitamine e la fermentazione di varie sostanze che introduciamo.
Sono coinvolti in molti processi fisiologici del nostro organismo, dalla digestione alla risposta immunitaria, ad esempio. Quando il loro equilibrio si altera, possono sorgere dei disturbi.
Alcune informazioni che ci riguardano:

Microbioma: insieme dei geni appartenenti ai microbi che costituiscono il microbiota. I geni permettono di identificare i tipi di microbi e le loro potenziali attività nell’organismo umano, il microbioma è importante per definire l’interazione del microbiota con l’organismo stesso.

Microbiota: insieme di microorganismi simbiontici che convivono con l’organismo senza danneggiarlo, ma stabilendo una simbiosi. L’uomo pertanto è un’ecosistema costituito da cellule proprie umane e microorganismi ospiti (batteri, funghi, virus, protozoi, elminti, etc…)
Inoltre le cellule batteriche sono veri e propri laboratori non-visibili, che favoriscono alcune attività enzimatiche fondamentali sia per la loro replicazione, sia per la produzione di composti che vengono liberati all’esterno, nel canale intestinale, e che quindi possono diventare attivi sulle sostanze in transito o sulle cellule della mucosa. Inoltre il microbiota ci assicura la produzione di vitamine del gruppo B, e in particolare della B12 e favorisce la sintesi di energia disponibile per l’organismo.

Flora batterica intestinale: fa parte del microbiota,deputata alla difesa del nostro corpo a protezione degli agenti patogeni stimolando la produzione di linfociti, favorisce il buon funzionamento del sistema immunitario della mucosa intestinale. Inoltre, si occupa di completare il processo di digestione attraverso la fermentazione, di assorbire minerali e altri importanti nutrienti e di espellere scorie e tossine.
E’ insomma importante per il nostro benessere psicofisico, conoscere, sapere come funziona, come preservare ed eventualmente ristabilire la nostra flora batterica intestinale.

Sistema Immunitario: è una complessa rete integrata di mediatori chimici e cellulari, di strutture e processi biologici sviluppatasi nel corso dell’evoluzione per difendere l’organismo da qualsiasi forma di insulto chimico, traumatico o infettivo, alla sua integrità.
Per funzionare correttamente, un sistema immunitario deve essere in grado di rilevare un’ampia varietà di agenti, noti come agenti patogeni, dai virus agli elminti e distinguerli dal proprio tessuto sano dell’organismo.

Prebiotici : Sono alimenti pre-biotici perfetti, fibre, ma non solo.. tra le sostanze più rappresentative c’è l’inulina, che si trova in molte radici e tuberi, carciofi, banane, legumi, alghe, etc.. e ingredienti ricchi di polifenoli come i frutti rossi, la cioccolata e altri.
Hanno come funzione importante quella di favorire il buon mantenimento dei nostri batteri intestinali.

Probiotici : Essi invece sono alimenti che contengono direttamente al loro interno batteri benefici ancora vivi (yogurt, kefir, kombucha, fervìda, per citarne alcuni..) e devono essere in grado di arrivare a proliferare nel nostro intestino, devono sopravvivere al passaggio nello stomaco che è un’ambiente acido e una volta arrivati nell’intestino devono essere in grado di competere con la popolazione microbica residente e riprodursi il più possibile assicurandosi il loro spazio, per questo motivo non si può pensare di utilizzare il probiotico saltuariamente per riuscire a selezionare la nostra flora batterica buona pensando che rimanga intatta nel tempo,
deve essere un consumo costante nel tempo, per curare, ripopolare e mantenere sana la flora batterica.

 

2 commenti a “Noi e i Batteri

  • VANDA SANCHIONI

    Complimenti Lenina,ottimo lavoro che aiuta a capire chi abita nel nostro intestino, a cosa serve e soprattutto come migliorare o potenziarne l’attività.

    Rispondi
    • lenina graziani

      Grazie Vanda!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *